0 0
Zuppa di miso d’estate

Zuppa di miso d’estate

Il momento del pasto racchiude tantissimi significati profondi, a tavola non alimentiamo solo il nostro corpo ma tutto il nostro essere, anche attraverso le emozioni che viviamo e condividiamo.
Oggi non vogliamo parlarvi tanto di cibo ma di come rendere questo momento di preziosa condivisione ancora più sereno e felice e per farlo abbiamo volutamente scelto una ricetta un po’ difficile da proporre ai più piccoli e presto ne comprenderete il motivo.
Con quattro bimbi abbiamo pensato e ripensato, osservato, domandato, risposto, giocato e scritto insieme le regole della nostra tavola felice. Una premessa, queste regole sono prima di tutto per gli adulti! I bambini semplicemente imitano e imparano da ciò che vivono.

1   | Ognuno in cucina ha un compito prezioso
2   | Imbandiamo insieme la nostra tavola
3   | Spegniamo tutto quello che ci può disturbare in questo prezioso momento
4   | Ringraziamo cantando e recitando per il cibo di ogni giorno
5   | Iniziamo a mangiare solo quando siamo tutti insieme
6   | Assaggiamo tutto per scoprire i nostri gusti
7   | Gustiamo il nostro cibo con attenzione e presenza
8   | Il cibo è prezioso e non si spreca
9   | Se qualcosa non ci piace chiediamo aiuto
10 | Discutere a tavola fa molto male
11 | Per favore e grazie sono bellissime parole
12 | Se stiamo seduti composti e tranquilli digeriamo meglio
13 | Mastichiamo lentamente, con la bocca chiusa e in silenzio
14 | Usiamo sempre le posate tranne il giorno della pizza!
15 | I tovaglioli sono meglio della tovaglia e della manica della maglia
16 | Una volta a settimana invitiamo qualcuno
17 | Ci alziamo se tutti hanno finito e diamo un bel…
18 | … bacio al cuoco!

csn_familySì, sono tante! Ma se noi per primi non comprendiamo l’importanza di questo momento e non ci dedichiamo con presenza e cura, non possiamo pretendere che i nostri figli facciano diversamente. Sono tanti i piccoli gesti che contribuiscono ad arricchire il tempo passato in cucina e intorno alla tavola, condividerli con gioia è quanto di più prezioso possiamo fare.
Coinvolgere i bimbi nella preparazione del cibo stimola la loro curiosità e il loro appetito e saranno felici di gustare e condividere ciò che avranno contribuito a preparare. Divertiamoci anche a giocare coi colori e impiattiamo con cura e fantasia senza però camuffare il cibo, è importante che i bimbi siano consapevoli di ciò che mangiano. Non sempre tutto quello che fa bene è gustoso. Mentre noi comprendiamo l’aspetto salutistico, per loro è più difficile, è bene equilibrare il menu offrendo sempre anche qualcosa di particolarmente gustoso che renderà la regola del “si assaggia tutto” una divertente prova di coraggio!
Noi utilizziamo questa tecnica proprio per la zuppa di miso. Ognuno ha i suoi gusti ed è giusto rispettarli ma è anche utile guidare i bambini in questa scoperta, perché spesso un “no” racchiude significati diversi dal cibo.
Un altro prezioso consiglio è di fare piccole porzioni, è inutile riempire piatti che i bimbi faranno fatica a finire, questo ci aiuterà nella regola del non sprecare cibo e sarà divertente fare il bis e il tris!
Stabilire ritmi e rituali è di grande aiuto nel percorso verso una tavola felice e c’è un rituale che più di ogni altro può rendere questo momento ancora più speciale: il ringraziamento. Ringraziare per il cibo che riceviamo aiuta i bimbi a percepire l’importanza di non sprecare e il senso di sacralità che alcuni gesti racchiudono, è un tipo di comprensione che i più piccoli hanno innata e che se riusciamo a tenere accesa, sarà uno stimolo prezioso nel cammino della loro vita. Questo rituale racchiude anche un significato più profondo, le vibrazioni della preghiera passano al cibo rendendolo fonte di nutrimento fisico e spirituale.
Noi a volte recitiamo mantra (hanno un’energia potentissima) altre volte ringraziamo la Terra e il Sole cantando una filastrocca imparata a scuola. Non importa che crediate o meno, siate grati per i doni che avete ricevuto.
Non sempre tutto fila liscio, ci sono giornate no e la perfezione non fa parte di questo mondo, tuttavia con qualche piccolo accorgimento possiamo trasformare un momento di difficoltà in un momento di preziosa condivisione e nutrimento, ovviamente la differenza la facciamo noi con la nostra consapevolezza, presenza e dedizione.
Eccovi la nostra zuppa di miso “tavola felice”.

Con la vostra educazione e il vostro insegnamento non dovete disturbare la sua crescita.
Potete educare e insegnare solo affiancando le necessità della crescita stessa.
Rudolf Steiner

 

Condividi sui social network:

Oppure si può semplicemente copiare e condividere questo URL
Pubblicata il 26 luglio 2017

  • 15-20 minuti
  • 4 persone
  • Facile

Ingredienti

1 l di acqua
1 carota
1 scalogno
1 ciuffo di cipollotto
1 pezzetto di alga wakame
2 cucchiaini di shiro miso o miso bianco

Ingredienti

Preparazione

1
Fatto

Mettete a bagno l’alga wakame per 5 minuti, quindi tagliatela a strisce sottili.

2
Fatto

Tagliate le verdure a piccoli pezzi e cuocetele con l’alga in un litro di acqua per 10-15 minuti.

3
Fatto

Sciogliete il miso in un bicchiere con qualche cucchiaio di brodo caldo e poi aggiungetelo alla zuppa a fuoco spento.

2 Commenti Nascondi commenti

Ciao Flo!
Ti stavo scrivendo… telepatia ☺️
Falla pure col miso scuro, è comunque ottima e fa un gran bene!
A prestissimo…

Aggiungi commento

newsletter

Iscriviti allanewsletter

Ricevei aggiornamenti e news riguardanti il nostro blog.



You have Successfully Subscribed!