• Home
  • Ricette
  • Lasagnetta crudista invernale di Martino Beria
0 0
Lasagnetta crudista invernale di Martino Beria

Lasagnetta crudista invernale di Martino Beria

beria_fidenzaL’incontro con lo chef Martino Beria di Vegano Gourmand ha davvero lasciato il segno.
Tante cose su cui riflettere, una su tutte: cucinare significa conoscenza e consapevolezza.
Non solo gusto, profumo, forma e colore, ma anche luoghi, storie, tempi e ancora tecniche, consistenze ed energia.
Tante cose che se conosciute e approfondite possono rendere i nostri piatti un ricordo indelebile non solo per i sensi ma anche per la memoria, nostra e delle persone per cui cuciniamo.
La cucina è origine, storia, radici ma anche incontro, comunicazione, scambio e contaminazione.
Martino ci ha portato tutto questo a un livello più sottile, ciò che era nella mente è arrivato al cuore.
E non servono tante parole, come dice Martino, basta chiedersi “perché”, entrare nel piatto, scomporre gli ingredienti, scoprirne le funzioni, trovare la coerenza, ricercare e scoprire ciò che può renderlo ancora più prezioso.
Il cibo va toccato, sentito, conosciuto, osservato, spesso capita di cucinare combinando solo ingredienti, senza coinvolgimento, anzi con distacco, a volte addirittura timore.
Facciamo della nostra cucina un luogo in cui scoprire, approfondire, sperimentare, dare libero sfogo alla nostra creatività, diamo energia, velocità e movimento, concediamoci di fare errori, proviamo l’esperienza unica di andare oltre, di entrare in contatto con il cibo e di sentire quello che ha da dirci e soprattutto da donarci.
Scoprite con noi queste deliziose lasagnette, divertitevi a cercare l’armonia di gusti e consistenze e trovate il vostro ingrediente prezioso.
Grazie a Martino e Antonia e grazie a tutte le persone speciali che hanno condiviso con noi questa giornata indimenticabile.
È solo un arrivederci…

L’uomo “civile” si autorappresenta fuori dalla Natura
ma la Natura stessa diventa, nell’esperienza storica,
un modello culturale consapevole,
una scelta intellettuale alternativa a quella della Cultura.

Massimo Montanari

 

Condividi sui social network:

Oppure si può semplicemente copiare e condividere questo URL
Pubblicata il 01 Marzo 2017

  • 30 minuti (+ 12 ore ammollo anacardi)
  • 4 persone
  • Medio

Ingredienti

400 g di zucca butternut medio piccola
150 g di spinaci freschi
1 rapa rossa (barbabietola)
200 g di anacardi ammollati
succo di mezzo limone
1 mazzetto di rucola
olio e sale

Ingredienti

Preparazione

1
Fatto

Le zucche butternut presentano un collo allungato ottimo per ottenere delle rondelle. Prima di affettarla sottilmente (2 mm di spessore circa) togliete la buccia con un pelapatate.
Lavate e asciugate le foglie di spinaci.
Lavate accuratamente la barbabietola con una spazzola da verdura, non dovete pelarla, tagliatela a fettine sottili con una mandolina o con l'affettatrice, come per la zucca le fettine dovranno essere tutte dello stesso spessore di circa 2 mm.
Mettete a bagno le fettine di barbabietola in acqua e sale per due minuti, poi scolatele e asciugatele.

2
Fatto

Scolate e sciacquate gli anacardi (ammollati per 12 ore), senza buttare la loro acqua. Versateli nel frullatore e aggiungete il succo di limone e poca acqua di ammollo, frullate fino a ottenere una crema morbida e omogenea, se occorre aggiungete un pizzico di sale.

3
Fatto

Sciacquate e asciugate la rucola e versatela nel contenitore del frullatore a immersione, aggiungete olio e frullate.

4
Fatto

Ora dovrete comporre la vostra lasagnetta a strati, alternando le fette di barbabietola, di zucca e le foglie di spinaci, tra uno strato e l'altro mettete la crema di anacardi e la salsa di rucola. Quando la lasagna avrà raggiunto l'altezza da voi desiderata, potete spolverarla con un pizzico di sale grosso.

2 Commenti Nascondi commenti

Aggiungi commento

Iscriviti allanewsletter

Ricevei aggiornamenti e news riguardanti il nostro blog.



You have Successfully Subscribed!